Siamo sempre più online, sempre più social e connessi. La maggior parte di quello che facciamo e diciamo è digitale, ma gli effetti di queste nostre azioni sono sempre reali e hanno conseguenze anche molto pericolose.

ConnettitiResponsabilmente nasce perché vita reale e vita virtuale stanno perdendo sempre più la loro distinzione, la rete e i social non sono un “territorio franco” e tutti noi dobbiamo rispondere delle nostre azioni anche se sono digitali.

Quando comunichiamo online dobbiamo sempre ricordare che dall’altra parte dello schermo, o della chat, ci sono persone reali, con le loro emozioni, situazioni e debolezze. Dimenticarlo, o approfittarsene, può causare episodi di cyberbullismo.

Per questo motivo, nell’ambito della campagna #ConnettitiResponsabilmente, D-Link ha scelto di partecipare al progetto Dillo con parole… nostre, ideato da Laboratorio Adolescenza e realizzato in collaborazione con Mediatyche.

Cos’è il cyberbullismo?

Con il termine cyberbullismo si intendono moltissimi comportamenti in cui spesso ci si può imbattere online, come commenti violenti o aggressivi, l’invio di messaggi con contenuti offensivi, la diffusione di fotografie o informazioni personali, il furto di identità. Anche solo mettere un like o condividere contenuti come questi non fa che rafforzare gli effetti del cyberbullismo, contribuendo a rendere la vittima ancora più sola e disperata.

Ma chi sono le vittime del cyberbullismo? Secondo diversi studi e analisi statistiche chiunque può essere vittima di cyberbullismo, ma il fenomeno è diffuso soprattutto fra i più giovani, in particolare delle scuole medie e delle superiori. Per questo è di fondamentale importanza che siano proprio i ragazzi a conoscere il fenomeno e gli strumenti migliori per contrastarlo.

Il progetto Dillo con parole... nostre

Il progetto Dillo con parole… nostre, rivolto agli studenti liceali, è dedicato quest’anno al tema del cyberbullismo. Due gruppi di ragazzi, dei licei classici Berchet e Manzoni di Milano, si sono sfidati nella realizzazione di una campagna di comunicazione per la lotta al cyberbullismo, da diffondere poi ai ragazzi delle scuole medie della regione Lombardia per aumentare il dibattito sul tema e diffondere informazioni che possano essere utili a combattere il problema.

Durante i momenti preliminari, gli studenti hanno incontrato uno psicologo del team di Laboratorio Adolescenza con cui hanno affrontato il tema del cyberbullismo dal punto di vista psico-comportamentale riassunto in un piccolo vademecum, e gli esperti di D-Link, per affrontare insieme il fenomeno anche nei suoi aspetti tecnologici con un video tutorial sui rischi di un uso scorretto o non consapevole delle tecnologie e di internet. In seguito, guidati dai tutor di Mediatyche, gli studenti hanno scoperto le modalità e gli strumenti della comunicazione utili per realizzare la propria campagna.

Nelle settimane successive i gruppi si sono messi all’opera per dare vita al messaggio promozionale da diffondere ai loro – quasi – coetanei. Una giuria, composta da Laboratorio Adolescenza, Mediatyche e D-Link, ha premiato la campagna migliore, che sarà diffusa presso le scuole medie.

L'obiettivo

L’obiettivo è quello di fornire agli studenti alcuni strumenti per contrastare il problema del cyberbullismo e fare in modo che siano loro stessi in grado di condividere queste soluzioni con i loro amici.

Il progetto Dillo con parole… nostre infatti, vuol far sì che i ragazzi stessi diventino portatori del messaggio diretto ai loro coetanei e “colleghi” più giovani. La campagna di comunicazione realizzata dagli studenti liceali mantiene la loro visione fresca e propositiva e potrà essere maggiormente sentita e condivisa dai ragazzi delle scuole medie.

Connettiti responsabilmente cyberbullismo

I numeri del progetto

3 partner

Laboratorio Adolescenza, D-Link e Mediatyche

2 scuole

Licei classici Berchet e Manzoni di Milano

20 ragazzi

divisi in due gruppi per sfidarsi

1 brief

con il vademecum di Laboratorio Adolescenza e il video tutorial di D-Link

6 incontri

 per realizzare la miglior campagna di comunicazione contro il cyberbullismo

1 vincitore

la miglior campagna contro il cyberbullismo diffusa agli studenti delle scuole medie

Info utili

Se conosci qualcuno o sei tu stesso vittima di cyberbullismo puoi fare una segnalazione e chiedere aiuto all’Helpline 1.96.96, che è attiva 24 ore al giorno, 365 giorni all’anno, oppure scrivere alla chat di https://www.azzurro.it/chat/, attiva dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 22.00 e il sabato e la domenica dalle 8.00 alle 20.00.

 

Your browser is out of date. It has security vulnerabilities and may not display all features on this site and other sites.

Please update your browser using one of modern browsers (Google Chrome, Opera, Firefox, IE 10).

X